Greg Sand/La fotografia dell’assenza

Greg Sand/La fotografia dell’assenza

Può la fotografia avere una capacità figurativa tale da raccontare la temporalità dell’esistenza? A questa domanda sembra voler rispondere Greg Sand, artista/fotografo americano che utilizza fotografie ritrovate per esplorare concetti come la memoria, l’assenza, la perdita e la morte. Nei suoi lavori, infatti, queste tematiche emergono attraverso una manipolazione delle immagini che restituisce una connessione quasi surreale tra la figura esistente ritratta nella fotografia e il conseguente vuoto ineluttabile al quale è destinata. Read more

+1
Who’s next?… Eva Hesse

Who’s next?… Eva Hesse

Scritto da Valentina Biondini, appassionata di letteratura

La rubrica “Who’s Next?” volge la sua attenzione a una donna il cui stile artistico ha avuto il potere di cambiare per sempre l’arte contemporanea. Stiamo parlando di Eva Hesse, una scultrice statunitense di origine ebraica, che nel corso della sua breve carriera ha reinventato e rivoluzionato il linguaggio scultoreo, avvalendosi di un processo estetico caotico, al limite dell’eccentrico, nel quale emergono forti le nozioni di fisicità ed emotività. Read more

+2
Aysegul Altunok/Installazioni-spazio: un legame esperienziale

Aysegul Altunok/Installazioni-spazio: un legame esperienziale

Con le sue opere scultoree inserite in ambienti naturali, Aysegul Altunok genera sensazioni immersive e insapettate. Parliamone con l’artista.

Il tuo lavoro si articola attraverso una serie di sculture/installazioni che all’interno di spazi naturali sembrano rappresentare in qualche modo proiezioni dell’esistenza umana, con al tempo stesso la tendenza a travalicare i limiti di questa stessa esperienza. Puoi raccontarci come vengono concepiti questi progetti e come si svolge il tuo processo creativo? Read more

+1
Andrea Carpita / Il ritratto come astrazione della forma

Andrea Carpita / Il ritratto come astrazione della forma

Intervista con il giovane pittore italiano che sperimenta tecniche iconografiche diverse per rileggere l’arte della rappresentazione figurativa.

La fotografia, l’immagine digitale e la pittura sono tre fasi strettamente collegate fra loro attraverso le quali si articola il tuo lavoro. Puoi parlarcene?

Questi tre elementi (fotografia, immagine digitale, pittura) sono in effetti le tre fasi cronologiche attorno al quale generalmente si sviluppa ogni mio dipinto. Read more

+1
Shira Gold / Ritratti di paesaggi: un percorso intimo attraverso il dolore, la riscoperta, il cambiamento

Shira Gold / Ritratti di paesaggi: un percorso intimo attraverso il dolore, la riscoperta, il cambiamento

Shira Gold, fotografa canadese, realizza immagini che nel loro isolamento scenico cercano di combinare aspetti come l’immobilità e la bellezza con quelli del dolore e della sofferenza. Attingendo alle sue esperienze di donna, figlia e madre, Shira affronta le vicissitudini spesso tormentate della nostra esistenza attraverso atti di esplorazione, ri-scoperta e stupore. Read more

+3
Who’s next?… Ketty La Rocca

Who’s next?… Ketty La Rocca

Scritto da Valentina Biondini, appassionata di letteratura

La rubrica “Who’s Next?” è dedicata questa volta a una singolare artista italiana che ha operato nel nostro paese tra gli anni ’60 e ’70 del ‘900, per poi cadere nell’oblio almeno fino ai primi anni 2000, quando alcuni studiosi ne hanno recuperato la memoria. Stiamo parlando di Ketty La Rocca, impegnata con il suo percorso ad attribuire all’arte il compito di definire il rapporto con la realtà e con la sua conoscenza. Uno sguardo femminile graffiante, intimo e personale il suo, ma capace anche di tramutarsi in universale. Read more

+3
Dellaclà/L’arte dell’autorappresentazione

Dellaclà/L’arte dell’autorappresentazione

L’eclettica artista italiana ci parla del suo modo di esplorare l’instabilità umana attraverso l’immobilità degli oggetti.

Punto di partenza dei tuoi progetti sono spesso resti di animali (come ossa, corna, teschi, ecc.) che vengono manipolati e incisi attraverso l’uso di diverse tecniche. Quale significato assume questo processo creativo?

La precarietà dell’esistenza, la metamorfosi, il cambiamento. La forma e il contenuto abitudinale dei resti animali assumono diversi significati arcaici, basandosi anche sull’esperienza di chi li osserva. Read more

+1
Samantha Passaniti/L’arte è un dialogo tra anima e natura

Samantha Passaniti/L’arte è un dialogo tra anima e natura

Intervista con l’artista italiana che utilizza elementi della natura per esprimere una dimensione interiore.

Da dove deriva la scelta di utilizzare materie naturali come espressione artistica? E qual è il metodo attraverso il quale si sviluppa il processo creativo del tuo lavoro?

La mia ricerca è da sempre incentrata sull’osservazione della natura. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese sul mare della Maremma Toscana e sicuramente le mie radici stanno alla base del mio innato interesse verso il mondo naturale. Ho sempre cercato di osservare il paesaggio riproducendolo in modo originale ed evocativo, senza essere mai troppo legata alla realtà. Read more

+2